ASL SULCIS: ZERO HOSPICE E ZERO POSTI LETTO NELLE CURE PALLIATIVE RESIDENZIALI

ASL SULCIS: ZERO HOSPICE E ZERO POSTI LETTO NELLE CURE PALLIATIVE RESIDENZIALI

Carbonia Iglesias 20 Ottobre 2022, prot. 915

AL DIRETTORE GENERALE ASL SULCIS d.ssa Giuliana Campus

ALL’ASSESSORE REGIONALE ALLA SANITÀ dr. Mario Nieddu

OGGETTO: HOSPICE ASL SULCIS

Gentilissimi, a pag. 36 del Piano dei Servizi Sanitari Regione Sardegna per il triennio 2022/2024 sono richiamati gli Hospice, di cui n. 4 a gestione pubblica e n. 2 a gestione privata.

Per ASL Sulcis ne è di fatto stralciata l’individuazione: i PL assegnati risultano essere pari a n. 0 sia nel pubblico che nel privato.

Se il Sulcis-Iglesiente conta di n. 130mila abitanti, n. 0 Hospice  e n. 0 Posti Letto e l’Oristanese conta di n. 150mila abitanti, n. 1 Hospice pubblico e n. 8 Posti Letto, nel nostro territorio non è riconosciuto il rispetto dei principi di universalità, pari opportunità, uguaglianza ed equità nell’accesso alle cure adeguato ai bisogni dei cittadini e delle loro famiglie sul punto delle cure palliative residenziali e del fine vita.

La persona gravemente malata, seppur inguaribile, è sempre curabile e se l’Hospice era stato pensato in allora ASL 7 e sin dal 2008 non solo come ambiente di accoglienza e assistenza ma anche come un luogo in cui la cura restituisse qualità della vita e la dignità della persona malata, ci interroghiamo se non sia il caso che venga effettivamente previsto e ubicato in ASL Sulcis anche rafforzando le risorse umane delle professioni sanitarie dedicate alle cure palliative

Le cure palliative e la terapia del dolore costituiscono obiettivi prioritari del Piano sanitario nazionale, e questo dovrebbe essere valido anche per il Sulcis Iglesiente prevedendo appunto il ricovero in Hospice per situazioni in cui non sia possibile l’assistenza domiciliare.

La Legge n. 38/2010 concernente “disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore”, ci vede quindi inadempienti e forse poco consapevoli rispetto ai bisogni di salute dei nostri cittadini e al modo con cui soddisfarli, nonchè poco responsabili delle risorse già messe in campo per farlo.

Chiediamo alle istituzioni in indirizzo di illustrare allo scrivente Ente lo stato dell’arte delle cure palliative in ASL Carbonia e quali siano, se vi sono, i motivi ostativi per privare il Sulcis Iglesiente di un servizio di tale impatto sulla qualità della vita dei cittadini nella fase terminale della malattia, e se la non collocazione dell’Hospice quale luogo in cui sia garantita la cura attiva e  globale ai malati terminali la cui patologia non risponde più a trattamenti volti alla guarigione o al controllo dell’evoluzione della stessa, possa essere rivisitata.

Restiamo in attesa in un riscontro e di interlocuzioni che confidiamo essere positive.

Per il Consiglio Direttivo, firmato il Presidente Graziano Lebiu

VIA SANTA MARIA 6 – VILLAMASSARGIA – CARBONIA.IGLESIAS@CERT.ORDINE-OPI.IT – +393421598305

 

OPI CI 915 su Hospice 2022